Braccialetti e dispositivi antismarrimento: come funzionano e come puoi usarli 

Parliamo dei braccialetti antismarrimento, utili per vivere le attività all'aria aperta in compagnia di bambini, anziani affetti da patologie psichiche, o animali domestici, con maggiore serenità. Ne esistono di diversi tipi e sul mercato già da qualche anno. Ecco come funzionano e come puoi usarli.

Il ritorno della primavera è sempre un'ottima occasione per uscire a passeggiare in compagnia dei propri cari e dei propri animali domestici. Che si tratti di un'escursione in montagna, di un pomeriggio al parco o di una prima giornata al mare è importante sentirsi liberi di godersela a pieno, e di lasciarla godere a chi è con noi, in piena tranquillità.

Per sentirti più sicuro puoi scegliere di utilizzare un dispositivo anti smarrimento, così da garantire loro più libertà di movimento, senza rinunciare alla sicurezza.

 

Braccialetti antismarrimento cosa sono e come si usano

I bambini, si sa, sono sempre curiosi e pieni di energia. Scoprono il mondo ogni giorno, da soli o in compagnia, ed è giusto lasciare loro l'opportuna indipendenza di cui hanno bisogno perché crescano sicuri di sé. Questo, naturalmente, assicurando loro sempre la più idonea protezione possibile.

Per questo motivo un braccialetto antismarrimento rappresenta un perfetto connubio tra libertà e protezione.

Si tratta di un dispositivo che normalmente ha l’aspetto di un bracciale (ma anche di un orologio o di un portachiavi: le forme nelle quali si trovano sono in continua evoluzione) e che utilizza la tecnologia GPS. Si tratta in sostanza di un piccolo trasmettitore in grado di comunicare a un altro supporto (solitamente un’App su smartphone, tablet, oppure a un ricevitore ad hoc) la posizione geografica.

Per molti di questi dispositivi è inoltre possibile settare la distanza massima di allontanamento consentita dalla “base”, ovvero dal ricevente del segnale. Questo significa che una volta che il localizzatore avrà superato i 20, 30 o 50 metri (in base al prodotto scelto) sarà inviato un segnale acustico alla base, che sarà in questo modo avvertita dell’allontanamento e potrà controllare la posizione di chi indossa il dispositivo antismarrimento.

Molto spesso sono utilizzati per i bambini, che in questo modo sono portati a responsabilizzarsi e a vivere lo spazio e le attività all'aria aperta in maniera più autonoma, senza rischi.

Grazie alla semplicità di utilizzo, è possibile consegnare il dispositivo anche a nonni o baby-sitter, per una maggiore tranquillità del genitore. Una soluzione valida inoltre per bambini che tornano da scuola da soli, in fede al nuovo decreto, il 19-bis della Legge 172/2017 [3], che permette “l'uscita da scuola autonoma anche per i bambini di età inferiore a 14 anni”.

I dispositivi più tecnologici sono dotati, oltre che di collegamento GPS, anche di una funzione cellulare che permette di effettuare una vera e propria telefonata a uno o più numeri preimpostati.

Alcuni di questi funzionano tramite un'App da scaricare direttamente sul proprio cellulare, altri ancora sono dotati di una specifica funzione che avverte il genitore anche nel caso in cui il braccialetto antismarrimento venga rimosso dal polso del portatore.

Non tutti gli esperti di età evolutiva, però, sono d’accordo sull’utilizzo indiscriminato di questi dispositivi: “Oggi si tende a controllare tutto, a voler gestire ogni attività dei figli senza lasciargli un minimo di respiro e movimento. Viviamo in un momento storico in cui siamo terrorizzati da quello che possa accadere ai figli. Neanche vivessimo nella savana circondati da tigri e leoni – scrive Maura Manca, psicoterapeuta dell’età evolutiva – [...] Il problema vero è che questo atteggiamento sta andando a influenzare negativamente lo sviluppo dei bambini [...] (intaccando) lo sviluppo della responsabilità e autonomia psichica fondamentale nella crescita e nella strutturazione della personalità”.

Gli esperti sembrano dunque richiamare all’uso di questi dispositivi con cautela e in modo selettivo, riservando l’utilizzo quando la possibilità di perdere di vista il bambino in un momento di distrazione è reale e pericolosa (ad esempio in spiaggia) e, magari, limitandone l’uso solo ai bimbi più piccoli.

Per un genitore l’incolumità dei figli è sempre al primo posto. MetLife ti aiuta nel compito di tutelare salute e sicurezza con un sostegno pensato apposta per loro. Scopri come possiamo sostenerti nella gestione dei piccoli e grandi imprevisti, per goderti ogni momento insieme a loro.

Costo braccialetti antismarrimento e dove acquistarli

Il prezzo dei braccialetti antismarrimento dipende dalla tipologia scelta, dalle funzioni e materiali che contraddistinguono il prodotto.

Online è possibile trovare un'ampia scelta di braccialetti per bambini e adulti, sui siti dei principali produttori di questi articoli e sui più famosi marketplace.

Il costo dei braccialetti varia da qualche decina di euro per i modelli base fino a 100 euro o più per quelli più tecnologici, dotati di più funzioni.

Molti di questi braccialetti antismarrimento sono dotati di tecnologia wifi e per questo motivo il loro utilizzo dovrebbe essere limitato alle sole occasioni che lo richiedono. Questo al fine di preservare i tuoi cari da un'ulteriore esposizione a onde elettromagnetiche, come ricordato dal Ministero della Salute, secondo le direttive dell'OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità [1].

Collari antismarrimento per animali domestici

Significativamente più utili rispetto alle canoniche piastrine con numero di telefono e indirizzo, i collari antismarrimento per cani e gatti permettono di rintracciare i nostri amici a 4 zampe in casi di emergenza.

Questi articoli sono studiati per permettere all'animale di aggirarsi liberamente in un “recinto virtuale”, oltre il quale il device segnalerà l'eccessivo allontanamento dell'animale, permettendoti di richiamarlo vicino a te.

Utile anche per le uscite indipendenti del gatto fuori dalla propria abitazione, il tracker dei collari antismarrimento per animali consente di individuare la posizione dei nostri piccoli amici in ogni momento.

Il collare antismarrimento è inoltre utile per cani da caccia o da tartufo che fanno cioè attività che implicano l’allontanamento dal padrone, in luoghi aperti e spesso isolati.

Per sapere cosa prevede la legge italiana in merito ai cani lasciati liberi in spazi pubblici, come parchi, montagne, boschi e spiagge, puoi consultare il D.P.R. n. 320 dell'8 febbraio 1954, redatto dalla polizia veterinaria e autorizzato dal Presidente della Repubblica [2].

Conclusioni e consigli finali

Proteggere chi ami significa garantirgli la libertà di cui ha bisogno, insieme alla maggiore tutela che consenta a entrambi di viverla in tutta sicurezza. In particolare i bambini conoscono il mondo che li circonda attraverso le esperienze quotidiane. Per questo puoi garantire loro libertà e autonomia, senza rinunciare alla tua tranquillità.

I braccialetti antismarrimento consentono di:

  • far muovere liberamente chi li indossa entro un raggio d'azione consentito, settato in base alle preferenze. Oltre questo limite, il braccialetto invia un segnale acustico al dispositivo conservato dal tutore, in modo da avvisarlo;
  • rintracciare chi li indossa grazie a tecnologie GPS;
  • comunicare con chi li indossa attraverso un sistema che permette di fare chiamate;
  • essere avvertito se il dispositivo viene sganciato e tolto.

Fonti per questo articolo:

  1. http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?menu=dossier&p=dadossier&id=7
  2. http://www.ministerosalute.it/imgs/C_17_normativa_925_allegato.pdf
  3. http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/12/5/17G00186/sg
  4. https://www.diritto.it/pdf_archive/27712.pdf
Crescerli è una sfida
Affrontala con un aiuto concreto per curare i tuoi figli e tutelare il loro futuro.
Scopri Protezione Junior