Proteggere il futuro dell’azienda con un’assicurazione. Ecco come fare.

Oltre alle polizze più note che servono per proteggere i beni dell’azienda, esistono delle assicurazioni che permettono di salvaguardare gli affari nel caso le persone determinanti per il business venissero a mancare.

Tecnologia, risorse economiche, merci, locali sono tutti strumenti che permettono all’impresa e all’imprenditore di portare avanti quotidianamente i propri affari. Consapevoli di questo, i più previdenti si sono dotati di polizze assicurative che proteggono dai rischi che potrebbero comprometterli, ad esempio: incendi ai magazzini, agli uffici ecc.

In verità, a fare il successo dell’azienda, grande o piccola che sia, sono le persone: la loro esperienza, le loro conoscenze e la loro dedizione al proprio ruolo. Alcune persone possono essere o diventare nel tempo “insostituibili”, tanto da meritare la definizione di figure chiave o, usando il termine inglese, Key men.

Un tessuto economico come quello italiano, caratterizzato dalla prevalenza di piccole imprese, presenta ancora più casi di realtà imprenditoriali dipendenti dai propri key men.

Pensiamo a quante aziende sono nate e nascono ancora, dall’idea e dalla passione di un uomo o una donna di talento e che, trattandosi di imprese di medie o piccole dimensioni, subiscono maggiormente gli effetti della scomparsa di queste persone di talento o della loro impossibilità di dedicarsi agli affari.

Quali sono gli strumenti per tutelare l’azienda e le sue figure chiave?

Certamente un’azienda strutturata e preparata dal punto di vista della gestione del personale sa che per garantire continuità al business è importante predisporre programmi di sviluppo manageriale per far sì che la propria organizzazione abbia un grado di dipendenza dalle figure chiave che non ne comprometta il futuro in caso di assenza di una di esse. Ciò significa garantire la circolazione del Know-how, sviluppare le capacità e la creatività. A fianco a questi programmi è importante avere delle misure che permettono di disporre di risorse economiche importanti e immediate per far fronte alla scomparsa improvvisa di queste persone.

Oltre agli affari, tutelare i ruoli critici per l’azienda è un gesto di responsabilità anche nei confronti della società: se pensiamo ai posti di lavoro che l’azienda ha creato, dunque, tutelarli nel futuro significa anche salvaguardare quello dei dipendenti e delle famiglie che si sostengono grazie ad essi.

Il mercato mette a disposizione alcuni strumenti, di norma polizze assicurative vita che riparano dai più gravi imprevisti attraverso soluzioni di differente valore che permettono alla tua attività di supplire al periodo di assenza di una delle figure chiave senza subire severi scossoni economici.

Vediamo come possono essere utili alle varie realtà aziendali e cosa distingue queste polizze dalle assicurazioni vita che vengono proposte ai privati.

Una polizza vita adatta a tutelare un key men deve proteggere almeno in caso di decesso della persona con un ruolo centrale in azienda e consentire di disporre della liquidità per affrontare le conseguenze (es. pagamenti in scadenza in concomitanza con un calo del fatturato) e correre ai ripari (ricerca sostituti, consulenze o altro). Deve quindi garantire delle somme elevate che, nelle realtà più importanti possono corrispondere a milioni di euro.

Non è solo il decesso ad impedire ad un manager o un imprenditore di svolgere il proprio ruolo. Nel caso di un’invalidità che gli impedisse di svolgere la propria professione, dovuta ad un infortunio o una malattia, ci si troverebbe comunque in una situazione di emergenza. Ecco perché la garanzia invalidità permanente totale è tanto importante quanto quella per il decesso ai fini della protezione dell’azienda.

 

Tutelare gli affari
Per i professionisti o gli imprenditori, tanti utili strumenti per affrontare i momenti di difficoltà negli affari
Scopri le soluzioni

Professionista o azienda, esiste la polizza su misura per chi ha un’attività

Quali sono le aziende che possono beneficiare di queste soluzioni? Considerato quanto detto in precedenza, quasi tutte. Si potrebbe pensare che le piccole società non siano nella lista, ma in verità, per queste realtà, un’assicurazione può essere ancora più utile per garantire che la mission aziendale identificata al momento della costituzione sia portata avanti senza discontinuità, anche in caso di scomparsa prematura di uno dei soci.

È estremamente consigliabile, infatti, predisporre una protezione incrociata delle quote attraverso più polizze assicurative sulla vita di ciascuno dei soci per importi pari al valore della quota. Questo consentirebbe ai soci che restano di riacquistare la quota dagli eredi, nell’eventualità – molto frequente – che questi non fossero interessati a partecipare alla gestione dell’impresa, e di tutelare, quindi, il valore dell’impresa e l’approccio strategico condiviso dai soci iniziali.

Quali sono le caratteristiche delle polizze vita create per le imprese?

Oltre ad assicurare capitali importanti, permettono di distinguere le due figure contrattuali del contraente – ovvero l’azienda che stipula la polizza, ne paga il premio e può designarsi beneficiaria della polizza – e dell’assicurato – ovvero il manager, il titolare, il socio di cui si teme la scomparsa prematura.

Permettono, inoltre, di non impegnarsi su una durata prefissata, ma si rinnovano di anno in anno, adattandosi quindi ai tempi di pianificazione delle spese dell’azienda ed al turn over del personale.

Nel caso di New Protection di MetLife, una soluzione studiata proprio per il mondo degli affari, le coperture possono essere estese fino a 10 milioni di euro e possono essere assicurate figure chiave di vario tipo, dalla proprietà ai manager, fino ai soci o ad altre persone che si reputano importanti per la vita dell’azienda e la polizza può essere rinnovata di anno, in anno, senza vincoli di durata per l’azienda. New Protection tutela l’azienda nel caso di decesso e invalidità permanente totale dovuta ad un infortunio o una malattia.

Un’altra soluzione valida che circoscrive la tutela agli infortuni, ma estende gli indennizzi anche in caso di eventi meno gravi, può essere quella di stipulare a favore delle persone chiave una polizza infortuni come Pronta Mente di MetLife che, soprattutto nel caso di piccoli imprenditori e professionisti, aiuta a reintegrare i mancati guadagni ed accelerare il recupero, grazie al rimborso delle spese mediche da infortunio che agevola l’accesso alle strutture private.

Giovani al lavoro

Parliamo di costi e vantaggi fiscali   

I costi variano naturalmente in base alle somme che desideriamo assicurare, ma anche in base alle caratteristiche dell’assicurato (età, condizioni di salute, professione). Per farti un’idea, puoi consultare la panoramica delle soluzioni assicurative a tutela delle persone che fanno la differenza negli affari con degli esempi di costo e la possibilità di fare un preventivo sulla comparativa delle polizze pensate per tutelare le aziende.

Una volta identificati i costi, non bisogna dimenticare che i premi godono di vantaggi fiscali interessanti che variano a seconda delle modalità con cui viene sottoscritta la polizza (chi è il contraente, chi beneficia degli indennizzi ecc.).

La normativa riconosce alle aziende la possibilità di dedurre il premio in presenza di alcune condizioni. Inoltre, la possibilità di beneficiare delle casse assistenza che, sia nel caso delle polizze vita, sia nel caso di quelle sanitarie possono diminuire sensibilmente il costo finale delle polizze assicurative.