Dieci consigli per organizzare un matrimonio perfetto senza spendere troppo

Nessuno parla mai bene del matrimonio, dai filosofi ai comici, passando per chi è sposato, ma la verità è una sola: il giorno del matrimonio è molto bello ed emozionante, e va vissuto al meglio.

Purtroppo, pensare di organizzare un grande matrimonio, come siamo abituati a fare in Italia, oggi è molto complesso, perché le condizioni economiche non sono particolarmente favorevoli. Si, perché il giorno del matrimonio è emozione pura, ma è anche molto costoso.

Dall’abito nuziale alla sala ricevimenti, ogni elemento della lista delle cose da fare ha un costo, anche particolarmente oneroso, ma non è detto che debba essere per forza così.

Come si suol dire, bisogna fare di necessità virtù, e se non si ha la possibilità - o anche la volontà - di dilapidare ricchezze in piazza per organizzare il proprio matrimonio, questo non vuol dire che non si possa creare qualcosa di unico e indimenticabile.

Vediamo insieme 10 consigli utili per ridurre le spese e risparmiare sull’organizzazione di un matrimonio.

Chi ama protegge
Scopri come una polizza può aiutarti a costruire il progetto di vita insieme al tuo partner con facilità e responsabilità
Scopri le polizze

1. Come scegliere l’abito di nozze

L’abito da sposa è importante per una donna, perché è la realizzazione di un sogno infantile, ma diffuso in tutto il mondo, ovvero quello di sentirsi almeno per un giorno una principessa.

Però, come puoi immaginare, intorno al matrimonio è stato costruito un impero economico e commerciale, e si finisce col pagare tantissimo prodotti che, se fossero stati realizzati per altri scopi, costerebbero decisamente meno.

Quando ti rechi presso l’atelier, indossa gli abiti che pensi possano valorizzare il tuo corpo e rispecchiare il tuo gusto estetico senza dare peso al nome sull’etichetta. Se ti piace, è quello giusto, e se non costa un occhio della testa non vuol dire che non sia di buona qualità.

Un altro consiglio che ci sentiamo di darti è quello di provare ad acquistare un abito della collezione precedente, lo pagherai molto meno.

Per l’uomo è un po’ più semplice, perché a meno che non si desideri un abito particolare, come ad esempio il Tight, sarà sufficiente acquistare un vestito da cerimonia, magari con un panciotto, ed il gioco è fatto.

2. Taglia la lista degli invitati

Il matrimonio è una festa, e tutti vorrebbero festeggiare con amici e parenti al completo, ma in alcuni casi si esagera. Invitare parenti alla lontana, conoscenti, familiari con i quali non si intrattengono rapporti è un costo vivo da sostenere, perché vuol dire più inviti da stampare, più confetti da acquistare, più bomboniere, più pasti al ristorante, e così via.

Se non vuoi rischiare di avere un conto salatissimo alla fine della giostra, ti consigliamo di invitare solo quelle persone alle quali tieni davvero, che sono importanti per te e che non possono assolutamente mancare al tuo matrimonio.

3. Componi con criterio la lista di nozze

Le liste di nozze sono odiate da quasi tutti gli invitati, perché se non arrivi in tempo ti ritroverai con le spalle al muro, costretto ad acquistare quello che non hanno scelto gli altri. E ci sarà un motivo se non l’hanno fatto!

Però, bisogna ammettere che per gli sposi è molto comoda, perché hanno la possibilità di ricevere solo regali che non potranno non apprezzare e ritenere utili. Il problema, semmai, sorge quando la lista viene redatta senza criterio, inserendo oggetti di dubbia utilità, e sicuramente non essenziali per iniziare una vita insieme in una casa appena arredata.

Quando componi la tua lista di nozze, quindi, inserisci solo quelle cose delle quali hai veramente bisogno, e che potrai così evitare di acquistare tu, spendendo altri soldi. Insomma, il vaso di porcellana può anche attendere, il microonde meglio prenderlo subito.

Se proprio non vuoi rischiare, puoi sempre chiedere la cara e vecchia “busta”, con il regalo in denaro. Ammettiamo che possa essere meno elegante e più rischiosa, perché la sorpresa negativa è sempre dietro l’angolo, ma almeno decidi tu come investire quei soldi, molti o pochi che siano.

4. Scegli il ristorante giusto, non quello alla moda

I ristoranti e le sale da cerimonia attrezzati per ospitare un matrimonio sono davvero tantissimi, rispetto al passato c’è molta scelta, e questa è una cosa positiva.

Un pranzo per un matrimonio costa molto, o meglio, costa molto in termini assoluti, perché in relazione a quello che viene preparato e servito ai commensali è quasi sempre congruo. Se ci pensi, andando a mangiare a cena in un ristorante di buona qualità non spenderesti poi tanto di meno.

Il problema, in questo caso, è sulla quantità, ovvero sul numero totale degli invitati, e abbiamo già detto che quello va sfoltito.

Quando inizi il giro dei ristoranti alla ricerca di quello giusto, ci sono solo due elementi che devono orientare la tua scelta:

1. Cibo: com’è la qualità del cibo? Quali sono i piatti tra i quali scegliere per comporre il tuo menù? Come viene servito? Agli invitati interessa molto questo aspetto;
2. Struttura: com’è la location? La sala è abbastanza capiente per ospitare tutti? C’è uno spazio esterno per servire un aperitivo o il buffet? Ha degli spazi dove poter scattare delle belle foto? 

Se queste due componenti soddisfano le tue esigenze e i tuoi gusti, allora bene. Altrimenti passa al successivo, non lasciarti influenzare dal fatto che lì si sia sposato quel tale vip, oppure un tuo parente, o che abbia una certa notorietà nella zona.

A dirla tutta, se vivi - tu oppure una persona a te cara - in una bella casa con giardino, potresti anche pensare di organizzare il matrimonio in-house, affidandoti ad un servizio di catering. Ti costerebbe molto meno, a fronte però, va detto, di molto più lavoro per te e le persone che sono disposte ad aiutarti nell’organizzazione.

Ma il gioco potrebbe valere la candela.

5. Attenzione ai fiori

Gli addobbi floreali dei matrimoni sono spesso bellissimi, ma sono anche molto cari. Non intendiamo consigliarti di evitare di abbellire casa, chiesa e ristorante con delle belle composizioni di fiori, ma fai attenzione a quello che scegli.

Se il fiorista al quale ti affidi è corretto e onesto, saprà consigliarti al meglio, ma visto che fidarsi è bene e non fidarsi è meglio, preferiamo darti un paio di suggerimenti:

1. Se chiedi fiori fuori stagione, gli addobbi ti costeranno molto di più;
2. Alcune tipologie di fiori molto richieste sono care, ma esistono dei fiori simili a costi decisamente più contenuti.

Fai delle ricerche online prima di andare dal tuo fiorista, e fai attenzione a quello che chiedi.

6. Hai bisogno del fotografo, non di una troupe cinematografica

In passato era semplice, bastavano il fotografo con un aiutante e il videomaker con la videocamera, per fare foto e video del giorno del matrimonio. Ora, invece, sembra quasi di stare sul set di un Blockbuster americano.

Lo studio fotografico si muove come una macchina da guerra, con 6-7 persone, ognuna impegnata a fare non si sa bene cosa. Fotografo, videomaker, assistenti, assistenti degli assistenti, manovratore di droni, pannelli, luci, obiettivi, flash, sembrerà di stare sul set di un servizio di alta moda.

Tutto questo, come puoi immaginare, ha un costo, e ti consigliamo di valutare attentamente quello di cui veramente non puoi fare a meno, altrimenti non ne uscirai vincitore.

Matrimonio 10 consigli su come risparmiare

7. Bomboniere e confetti

La bomboniera è quell’oggetto che si riceve dopo la cerimonia e che finisce col prendere polvere in una vetrina del soggiorno, perché non esiste al mondo una bomboniera che abbia una seppur minima utilità pratica. Sono sempre oggetti, magari anche belli, ma che puoi solo mettere in mostra da qualche parte.

Spendere tanti soldi per le bomboniere e per i confetti non è proprio una grande mossa. Gli oggetti realizzati con materiali pregiati ti costeranno moltissimo, quindi evita Swarovski, argento e porcellane finissime.

Una buona soluzione potrebbe essere quella di optare per bomboniere in ceramica o in legno, belle e di buona qualità, ma a prezzi ragionevoli.

Per i confetti, meglio acquistarli direttamente presso un produttore, se ne hai la possibilità, oppure all’ingrosso. Ne serviranno molti, anche per la confettata alla fine del ricevimento e per realizzare dei sacchetti da distribuire al termine della funzione religiosa.

8. Wedding planner? Meglio coinvolgere la famiglia

Da qualche anno la figura del wedding planner è molto diffusa, ma il lavoro enorme che svolge va pagato, e se stiamo organizzando un matrimonio a basso costo per risparmiare allora non potrai permettertela.

Raduna fratelli, sorelle, mamme, zie, cugini e amici, e fatti aiutare da loro. Assegna ad ognuno dei compiti e segui l’andamento della situazione costantemente, in modo da non comprometterla.

9. Non pronunciare la parola matrimonio

È un dato di fatto, quando pronunci la parola matrimonio i prezzi lievitano alle stelle, per qualsiasi cosa.

Ora, è evidente che per alcune cose non puoi non farlo, ad esempio l’abito nuziale della sposa oppure la sala del ristorante, però per le bomboniere, i confetti, i piccoli dettagli, trucco e parrucco (sempre fatta eccezione per la sposa), è possibile risparmiare moltissimo non menzionando che quella cosa è destinata ad un matrimonio.

Prima di andare in un negozio con l’intento di effettuare un acquisto o un ordine manda qualcuno in “missione” per controllare i prezzi, e fai una ricerca online per capire se puoi risparmiare su qualche e-commerce dedicato.

In questo modo, se il commerciante vorrà approfittare, non potrà.

10. Organizza il tuo viaggio di nozze

Il viaggio di nozze è essenziale, e non solo perché è romantico ed emozionante, ma perché dopo tutto lo stress subito per organizzare il matrimonio gli sposi si meritano di sparire per un po’ e rilassarsi.

Se devi organizzare il tuo matrimonio con un basso budget, non puoi fare un viaggio di nozze faraonico, e poco importa se sognavi di fare il giro dell’America in 30 giorni.

Se puoi, evita le agenzie di viaggio. Prenotare voli e alberghi online ormai è una passeggiata, e visto che il matrimonio non lo organizzi in una notte, hai molto tempo per programmare l’itinerario e scegliere tutto con ampio anticipo, risparmiando ancora di più. Aggiungi sempre una assicurazione, che non si può mai sapere.

Se visiti un Paese dell’Euro Zona, non effettuare il cambio in Italia presso una Banca o una agenzia di cambio, perché i tassi di interesse e le spese di servizio sono abbastanza alte. È preferibile caricare una carta di debito, come la PostePay, e prelevare direttamente presso gli ATM una volta arrivati in aeroporto.

In questo modo, inoltre, potrai evitare di partire con molto contante addosso, che è sempre un rischio.

Seguendo questi 10 consigli potrai organizzare un matrimonio low cost, ma non low quality. Non lo dimenticherai mai, e questa volta solo per le emozioni belle che vivrai, e non per il ricordo di quanto ti è costato.