Come tutelarsi in caso di invalidità: 8 passi per non sbagliare

Pensare al futuro con maggiore serenità è più facile se si è preparati ad affrontare gli imprevisti. Una polizza sanitaria è sicuramente un ottimo modo per farlo. Se sei alla ricerca di una guida o di risposte alle domande più frequenti sulle assicurazioni, qui puoi trovare alcune informazioni che possono aiutarti a prendere la decisione migliore in base alle tue esigenze specifiche.

1. Sei un lavoratore autonomo e il tuo lavoro rappresenta l’unica fonte di reddito della famiglia?

Se nel tuo nucleo familiare ci sono persone che dipendono esclusivamente dal tuo reddito - o se tu dipendi dal tuo reddito – dovresti prendere in considerazione l’idea di sottoscrivere una polizza infortuni e salute. In caso di malattia, il lavoratore autonomo difficilmente potrà fare affidamento su un’adeguata indennità di malattia erogata dallo Stato o dalle casse professionali. E l’assenza per un periodo prolungato della tua unica fonte di guadagno, insieme alla mancanza di forme adeguate di sostegno economico, potrebbe condizionare fortemente la situazione finanziaria familiare.

2. Quando non puoi lavorare la polizza infortuni copre una parte delle tue spese

Se non puoi lavorare a causa di una malattia o di un infortunio, l’assicurazione grazie agli indennizzi ti permette di far fronte alle spese principali che non puoi rimandare (per es. spese alimentari, bollette, tasse scolastiche, spese per la casa e per l’auto).

 

Polizze infortuni e salute
Accesso alle migliori cure per te e i tuoi cari. Scegli una polizza per stare sereno a partire da 9,40 €/mese
Scopri le polizze

3. Mantieni lo stesso tenore di vita anche in caso di grave infortunio o malattia invalidante

Secondo uno studio condotto dall’Istat, in Italia su oltre 5 milioni di persone affette da limitazioni funzionali (di età compresa tra i 15 e i 64 anni), quasi il 23% ha dovuto smettere di lavorare proprio a causa di tali limitazioni, invalidità o patologie croniche gravi. In questi casi una polizza sanitaria può rappresentare la soluzione migliore per conservare il proprio tenore di vita anche quando si diventa inabili al lavoro. 

4. È buona regola proteggere almeno il 60-80% del tuo stipendio netto

Se un giorno dovessi diventare inabile al lavoro potresti avere delle difficoltà anche con le spese primarie. Il 68,5% delle nostre spese riguarda bisogni essenziali come l’affitto di casa, le utenze, i prodotti alimentari, i trasporti, l’assistenza sanitaria e l’istruzione. Prendi una calcolatrice per capire quanto spendi mensilmente per i tuoi bisogni primari. Questo ti aiuterà a comprendere qual è la polizza sanitaria ideale per le tue esigenze.

5. Avere una polizza infortuni è sempre meglio di non averla

Quando si dispone di un budget ridotto, può avere senso sottoscrivere una polizza sanitaria che sia sufficiente a coprire almeno le spese di affitto o le rate del mutuo per consentire alla propria famiglia di conservare la casa in caso di invalidità permanente del capofamiglia. Le polizze infortuni  e salute sono molto più accessibili di quanto tu possa pensare. Fai una valutazione della perdita economica che potresti subire in caso di infortunio o malattia invalidante per stabilire l’ammontare del capitale da assicurare.

6. Verifica se disponi di una polizza sanitaria anche sul posto di lavoro

Tra i benefici riservati ai dipendenti dell’azienda per cui lavori è prevista anche una copertura assicurativa per gli infortuni? Esaminala attentamente perché non tutte le polizze sanitarie collettive forniscono garanzie tali da consentire alla tua famiglia di mantenere lo stesso tenore di vita anche in assenza di una fonte di reddito certa.

7. Non c’è niente di meglio di un buon consiglio

Cerca di ottenere informazioni utili per capire qual è la polizza sanitaria più adatta alle tue esigenze. Entra in contatto con un consulente assicurativo oppure fai delle ricerche approfondite sul web. Indipendentemente dal metodo di ricerca delle informazioni, cerca sempre di individuare la soluzione migliore per te: costruisci il tuo piano di sicurezza familiare proteggendo te stesso e la tua famiglia con una polizza sanitaria.

Giovane coppia che sceglie assicurazione

8. Valuta la solidità finanziaria e la reputazione della compagnia assicurativa

Quando decidi di attivare una polizza sanitaria, ricorda che stai sottoscrivendo un impegno a lungo termine con la compagnia assicurativa che ti vende la polizza. Se dovessi subire un infortunio, sarà proprio quella compagnia a doverti riconoscere un indennizzo per un  periodo di tempo più o meno lungo. Pertanto, è importante rivolgersi ad una compagnia assicurativa di grande esperienza, finanziariamente stabile e con una solida reputazione.