I farmaci da portare sempre in viaggio

Quando si parte per un viaggio, soprattutto all'estero, la domanda che ci facciamo più spesso è: quali medicine devo portarmi? Ecco un piccolo prontuario per partire sicuri e protetti e poter far fronte con semplicità a piccoli imprevisti di salute.

Farmaci da portare con sé in viaggio: gli indispensabili per una vacanza al sicuro

Se stai per affrontare un viaggio la cosa migliore da fare prima di partire è una lista delle cose da portare e controllare di avere sistemato tutto in casa prima di chiudere, come abbiamo consigliato tra le cose da fare per partire senza stress.

In più ti consigliamo di portare con te un piccolo kit con i farmaci e prima di partire, recarti dal medico di base e chiedere informazioni e specifiche su quali sono le medicine da portare in viaggio, in quale posologia puoi prenderne al momento del bisogno, qual è la precisa modalità di somministrazione e, soprattutto, quali sono le più adatte al tuo stato di salute.

La cosa migliore da fare dunque è confezionare un kit di primo soccorso da mettere in valigia.

Cosa mettere nel kit di primo soccorso da viaggio?

Innanzitutto pensa a proteggerti in caso di abrasioni o piccole ferite e infila nel tuo kit dei cerotti di varie misure e un disinfettante generico, come l’acqua ossigenata.

Considera un analgesico generico per far passare un mal di testa, un mal di schiena o altri piccoli dolori che potrebbero insorgere, specie quando il nostro corpo è sottoposto allo stress di un lungo viaggio. Alcuni tra i più comuni analgesici sono anche antipiretici, cioè sono efficaci in caso di febbre alta. Sarebbe quindi utile sceglierli e magari portare con sé anche un termometro.

Un altro farmaco da portare è un antidiarroico o un disinfettante intestinale. Queste medicine sono un toccasana nel caso della cosiddetta “dissenteria del viaggiatore”, uno stato transitorio, ma fastidioso, che colpisce fra il 40 e il 60% delle persone nei viaggi medio-lunghi, specialmente giovani adulti e persone anziane. Se sei particolarmente soggetto a questi fastidi ricordati anche un antiemetico, cioè un farmaco che aiuta a superare senso di nausea e vomito, utile specialmente se il tuo viaggio include gite in barca o tratte in mare.

Quando ti rechi in farmacia per acquistare i farmaci da portare in viaggio, fatti consigliare anche in base alla semplicità di somministrazione.

Cosa portare se ci sono anche i bambini

Un’attenzione in più è richiesta se in viaggio ci sono anche dei bambini. In questo caso ricordati di portare i farmaci che tuo figlio ha già usato per gestire raffreddori e influenze.

Consulta il pediatra prima di partire e chiedi lumi su un kit base che includa, oltre tutto quello che reputi sia utile:

  • un antipiretico
  • un disinfettante intestinale o fermenti lattici
  • un antistaminico generico
  • delle gocce per le orecchie per i sintomi dell’otite (comune dopo un viaggio in aereo)
  • una crema per dermatiti, eritemi e punture d’insetto

Oltre ai farmaci veri e propri, ricorda tutto ciò che ti aiuta a tutelare la salute di tuo figlio: una zanzariera per la culla e repellenti per insetti insieme al necessario per l’alimentazione del lattante (come raccomanda qui l’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù).

In viaggio è prudente anche attivare una assicurazione sanitaria o sugli infortuni che ti copra anche in caso di imprevisto all’estero e che ti assista con servizi utili.

 

Pronto, Protetto... Via!
Lavori, ti diverti e viaggi anche all'estero sempre al sicuro dagli infortuni, con soli 9,40€ al mese
Scopri i vantaggi

Trasportare farmaci, le buone norme di conservazione e le regole fuori dall’UE

La prima raccomandazione è quella di evitare di portare con sé un’intera farmacia: seleziona solo il minimo indispensabile.

Una volta confezionato il kit devi essere certo di trasportarlo in condizioni ottimali, lontano da fonti di calore e protetto dagli agenti atmosferici, dall’acqua, dall’umidità o da luci forti che potrebbero danneggiare i principi attivi e limitare o modificare la portata terapeutica del farmaco.

In caso di viaggio all’estero è bene anche consultare le norme dettate dal Ministero della Salute per chiunque entri o esca dal territorio nazionale e abbia con sé dei medicinali che contengono sostanze psicotrope o classificate come stupefacenti.

Se voli in aereo, valuta se portare i medicinali nel bagaglio a mano, e verifica sempre le condizioni di trasporto del vettore aereo, le dimensioni massime del bagaglio e che tutti gli articoli siano consentiti in cabina.

Sei pronto a partire? Buon viaggio!

Partire sicuri e protetti è un modo per stare tranquilli e godere appieno del periodo di ferie oppure delle opportunità messe a disposizione da un viaggio di lavoro. In situazioni particolarmente stressanti, infatti, come un lungo tragitto che richieda anche uno sforzo per adeguarsi a orari diversi e superare in fretta il jet-lag, potrebbe essere più facile ammalarsi. Portare con te il necessario per curarti subito, ti permetterà di guarire più in fretta e di stare meglio. 

Leggi anche: