Social Network e sicurezza: come impostare le restrizioni della privacy

Una guida rapida alle impostazioni di sicurezza da tenere d'occhio e eventualmente disabilitare su Facebook, Instagram e altri social, insieme alle regole più importanti da rispettare. 

Si parla sempre più spesso di sicurezza online, pensando a minacce da parte di chi è in grado di recuperare dati che nemmeno pensiamo di aver condiviso con il mondo. Ma in realtà la prima vera minaccia alla nostra sicurezza è data dalle pratiche quotidiane con cui viviamo la nostra esperienza sul web e sui canali social.

Mettere al sicuro l’accesso ai social in 3 mosse

Durante l’annuale evento mondiale dedicato alla sicurezza in rete, il Safer Internet Day [1], sono stati condivisi alcuni consigli utili per chi vive online ogni giorno, magari facendo la spola tra email, homebanking, shopping e canali social, da pc, smartphone e tablet.

In casi come questi è bene sapere come potersi difendere al meglio dalle possibili insidie della rete. Ecco una serie di consigli utili per gestire in modo migliore la tua presenza online e i tuoi profili social senza rischiare intrusioni involontarie oppure colpose.

1. Attenzione alla posizione geografica

Spesso capita che sui social tendiamo a condividere la nostra quotidianità, ma non sempre ci rendiamo conto di condividere anche il luogo esatto in cui ci troviamo: un’informazione che potrebbe diventare utile per chi desidera conoscere i nostri spostamenti e utilizzare questa informazione per sapere, ad esempio, se siamo presenti a casa oppure se siamo lontani.

  • Da smartphone puoi disattivare la geolocalizzazione cliccando sull’icona “impostazioni” del tuo dispositivo, indipendentemente dal sistema operativo che adoperi (Android, iOS, Windows). In questo menu, troverai una voce dedicata a “posizione” o “servizi di localizzazione” da cui poter attivare e disattivare il tracciamento dei tuoi spostamenti fisici. Se come la maggior parte degli utenti, usi le informazioni sulla posizione per spostarti in auto o a piedi, quando non ne hai bisogno ricordati di disattivarla.
  • Da pc la funzione di localizzazione è legata al browser utilizzato per navigare online (Chrome, Firefox, Explorer, Opera o altri). Una volta aperta una finestra di navigazione, puoi accedere al menu impostazioni che si trova solitamente in alto a destra, e rappresentato da 3 puntini o da una rotella di ingranaggio. I nomi delle voci su cui cliccare possono essere leggermente diversi da quelli indicati sopra, ma - in linea di massima - bisogna seguire gli stessi passaggi, ovvero trovare le impostazioni di condivisione e “spegnere” la voce relativa alla localizzazione geografica.

2. Usare autenticazione a due fattori

Proteggere il tuo account dalla possibilità che la tua password di accesso venga utilizzata da qualcuno che non sei tu, significa proteggere non solo la tua vita (personale o lavorativa) ma anche quella dei tuoi contatti, rendendo la condivisione e le comunicazioni personali via social più sicure per tutti.

Per questo tutti i social danno la possibilità di impostare una procedura di accesso che prevede l’autenticazione cosiddetta “a due fattori”, ovvero in due passaggi distinti. Per attivarla bisogna andare nelle impostazioni del tuo profilo e cercare “autenticazione a due fattori” (oppure “multi-factor authentication”) e attivarla. La procedura è guidata e molto semplice. Ti saranno richiesti dati aggiuntivi (mail o numero di cellulare) sui quali spedire una specie di password temporanea che viene abilitata ogni volta che vuoi accedere sul tuo profilo social.

In questo modo, al momento del login, oltre alla password personale ti sarà richiesto un codice che il sistema invierà automaticamente e immediatamente sul tuo indirizzo email oppure sul tuo cellulare con un SMS. Questo piccolo gesto ti permetterà di ottenere un alto livello di protezione più alto per i tuoi account. In questo modo, anche se qualcuno dovesse entrare in possesso delle tue password, non potrebbe comunque accedere ai tuoi profili.

3. Effettuare il logout ogni volta che termini la sessione

Essere riconosciuti automaticamente dai nostri dispositivi, ci permette di accedere con un click o un tap ai nostri canali social preferiti: è vero.

Però le raccomandazioni di sicurezza chiedono di non memorizzare le password ed effettuare il logout ogni volta che completiamo la sessione di navigazione sui social. Questa operazione costa qualche secondo di attesa in più alla connessione successiva ma effettuare il logout – in coppia con l’autenticazione a due fattori – ti permette di bloccare sia il monitoraggio delle tue navigazioni online (utili ai gestori dei social network per profilare i gusti e le abitudini dei suoi utenti) sia l’accesso al tuo profilo da parte di terzi. Senza questa accortezza, infatti, chiunque venisse in possesso del tuo telefono, talblet o del tuo pc, potrebbe accedere anche ai tuoi social e ai tuoi dati personali.

Mettere in sicurezza il tuo account Facebook

Per mettere in sicurezza i dati che hai fornito per creare il tuo account Facebook, puoi seguire le indicazioni del Centro Assistenza di Facebook [2].

In sintesi, ecco i passaggi che devi seguire:

  • verifica da quali  dispositivi ti sei connesso in passato e disconnetti quelli non più utilizzati, nella sezione “Dove hai effettuato l'accesso”. Alcuni dati potrebbero infatti restare memorizzati nei computer o nei tablet dai quali hai fatto accesso anche una sola volta.
  • imposta l’avviso degli accessi al tuo account, nella sezione “Configurazione di una funzione di protezione aggiuntiva”, in questo modo, ogni volta che proverai a entrare nel tuo profilo da un device differente da quello che utilizzi abitualmente, il sistema ti invierà un avviso per chiedere se vuoi autorizzare l’accesso oppure no.
  • imposta l’autenticazione a due fattori, nella relativa sezione all’interno della pagina (vedi paragrafo precedente)
  • stabilisci una chiave pubblica per crittografare i messaggi di notifica, nella sezione “Avanzate”, in questo modo solo tu potrai vedere il contenuto di questi messaggi.

Esiste poi un modo per controllare a quali siti web e applicazioni hai fatto accesso tramite il tuo account di Facebook [3]. Attraverso questo menu puoi controllare anche le App e le inserzioni con le quali hai interagito di recente. Quando interagisci con una app tramite Facebook, autorizzi anche la condivisione di alcuni dati personali (es. profilo pubblico, lista di amici, email ecc). È importante sapere che queste app possono poi cedere le tue informazioni ad app o siti “di terze parti”, cioè soggetti con cui tu non hai mai interagito prima. A causa di questo meccanismo, può capitarti di vedere annunci o contenuti di pagine che non ricordavi di avere mai seguito o autorizzato. Con una semplice spunta quindi puoi revocare il consenso o cancellare la tua iscrizione.

Per gestire la tua privacy su Facebook, devi invece visitare la pagina dedicata [4]. Da puoi decidere di:

  • impostare chi può vedere le tue pubblicazioni. Hai la possibilità di scegliere tra:
    Tutti:
    le informazioni che condividi sul tuo profilo sono aperte e consultabili da tutti gli utenti di Facebook senza restrizioni;
    Amici:
    le informazioni che condividi sul tuo profilo sono visibili e accessibili solo a coloro i quali appartengono alla lista dei tuoi amici. Gli altri non potranno accedervi e vedranno solo la tua foto del profilo.
    Amici tranne:
    questa nuova funzionalità ti consente di escludere qualcuno dei tuoi amici che puoi selezionare dalla lista dei tuoi contatti.
    Amici specifici: ti consente di scegliere, fra i tuoi contatti su Facebook, quelli che possono accedere alle tue informazioni del diario.
    Solo io:
    è il livello massimo di sicurezza ma comporta anche la sostanziale chiusura del tuo profilo a tutti gli utenti di Facebook che non possono visualizzarlo eccezion fatta per la foto profilo.
  • controllare in quali post sei stato taggato, ovvero citato mediante un link al tuo profilo. Puoi scegliere di impostare la restrizione dei tag che sostanzialmente impedisce questa funzione.
  • limitare chi può vedere le tue pubblicazioni passate.
  • scegliere chi può contattarti, tramite email o numero di cellulare che hai indicato in fase di registrazione

Nell’immagine qui sotto puoi vedere il menu così come appare dalla pagina privacy.

Come proteggere la tua presenza su Instagram

L’opzione basilare di sicurezza del tuo account Instagram, riguarda la tipologia del tuo profilo: in fase di registrazione puoi scegliere infatti di creare un account Privato (che ti permette di decidere chi autorizzare alla visualizzazione dei tuoi contenuti) o Pubblico.

Puoi modificare le tue impostazione in un secondo momento [5] e puoi decidere se:

  • cambiare la tipologia del tuo profilo, dalla sezione Privacy dell’account da pubblico a privato o viceversa;
  • implementare l’autenticazione a due fattori, dalla relativa sezione;
  • controllare le foto in cui sei taggato da altri, prima che queste vengano pubblicate.

Anche su Instagram puoi controllare quali applicazioni possono gestire le informazioni del tuo account [6].

E per qualsiasi informazione necessaria, fai riferimento al Centro Assistenza [7] sul quale trovi un lungo e corposo elenco di FAQ che sapranno dirimere ogni tuo dubbio sulle impostazioni di sicurezza e sulle conseguenze delle tue scelte in base alle opzioni proposte.

Nell’immagine qui sotto puoi vedere il menu così come appare dalla pagina privacy e sicurezza.

Come gestire e controllare il tuo account Linkedin

Per verificare le impostazioni del tuo account esiste anche su questo social network una pagina dedicata [8].

Da questa pagina puoi controllare i dati che condividi con gli altri utenti, da dove effettui gli accessi al tuo profilo, i servizi che hai autorizzato, chi può trovarti conoscendo la tua email o il tuo numero di cellulare, chi può seguirti e molto altro.

Dalla stessa pagina puoi anche abilitare l’autenticazione a due fattori, con un clic.

La pagina appare così:

Per qualsiasi altro dubbio sulle impostazioni di privacy e sicurezza, puoi fare riferimento al Centro Assistenza [9] che è corposo anche nel caso di questo social e, se lo preferisci, è in italiano.

Come verificare la tua sicurezza su Twitter

Per mantenere al sicuro il tuo account su Twitter, le indicazioni del Centro di Sicurezza sono chiare:

  • utilizza la verifica dell’accesso (cioè l’autenticazione in due passaggi come già visto per tutti gli altri canali social)
  • non cedere alla tentazione di fornire la password via email, messaggi diretti o commenti a post (il gestore assicura di non richiederla mai, quindi qualsiasi richiesta di password indica un tentativo di attacco al tuo account)
  • controllare quali dei tuoi dati gestisce Twitter
  • controllare gli utenti che nel tempo hai bloccato [10]
  • anche in questo caso puoi controllare quali applicazioni accedono al tuo account e ai tuoi contenuti e decidere in qualsiasi momento di revocarne l’accesso [11]
  • Per qualsiasi dubbio, è possibile contattare il Centro Assistenza di Twitter [12]

Conclusioni e consigli finali

La sicurezza in rete è fondamentale per impedire la violazione di dati e informazioni, ma l’integrazione di funzionalità e dispositivi wireless rende più complesso l’intero processo. Per fortuna, come abbiamo visto in questo articolo, con le giuste conoscenze e imparando ad utilizzare gli strumenti che i canali social ci mettono a disposizione, la nostra presenza online può essere messa al riparo da possibili usi impropri.

Per questo motivo, è importante non dimenticare mai di:

  • Non fornire le proprie password né su commenti, né su messaggi privati, né su chat o mail. I gestori dei social ricordano sempre che non chiedono le password degli utenti attraverso questi strumenti.
  • Evitare di accedere automaticamente ai social memorizzando le password sul computer. È preferibile inserire manualmente ogni volta la password e il nome utente anche se questo significa impiegare qualche secondo in più.
  • Attivare l’autenticazione a due fattori per mettere al sicuro il proprio account da accessi non autorizzati. Questa opzione si può impostare su tutti i social.
  • Dare un’occhiata alle impostazioni di pubblicazione per essere certi che i dati e le attività del tuo profilo siano effettivamente condivise con chi vuoi che le veda. Se intendi renderle pubbliche – ovvero accessibili a tutti – non c’è problema, ma devi esserne consapevole.

Fonti per questo articolo

[1] Safer Internet Day

[2] https://www.facebook.com/help/security/security_features

[3] https://www.facebook.com/settings?tab=applications

[4] https://www.facebook.com/settings?tab=privacy

[5] https://www.instagram.com/accounts/privacy_and_security/

[6] https://www.instagram.com/accounts/manage_access/

[7] https://help.instagram.com/

[8] https://www.linkedin.com/psettings/

[9] https://www.linkedin.com/help/linkedin?lang=it

[10] https://twitter.com/settings/blocked

[11] https://twitter.com/settings/applications

[12] https://help.twitter.com/it/safety-and-security

Crescerli è una sfida
Affrontala con un aiuto concreto per curare i tuoi figli e tutelare il loro futuro.
SCOPRI PROTEZIONE JUNIOR