Dipendenza da cellulare: come ridurre i rischi

Testa china e dita che scorrono veloci lo schermo di uno smartphone. Un like su Facebook, una controllata alla mail e uno scambio di WhatsApp. Ma cosa accade se si perde il controllo di questa routine digitale? È possibile parlare di dipendenza?

Lo smartphone è un compagno fedele e fidato. Foto, dati, conversazioni, informazioni, ricordi: tutto è trasmesso da questa piccola scatola tecnologica. Ed è quasi diventato impossibile separarsene.

Qualche dato sull’uso dello smartphone

Secondo il Global mobile consumer survey 2016 - una ricerca condotta da Deloitte, ci apre gli occhi su quanto l’uso degli smartphone permei la vita degli italiani.

Le persone che usano il telefono per lavoro, ad esempio, appena sveglie guardano immediatamente lo smartphone (57%) e nell’arco della giornata lo controllano oltre 200 volte (59%).

Dalla stessa ricerca si evince anche che, spesso, è proprio lo smartphone al centro di diatribe e litigi tra amici e parenti.  Il 27% delle coppie prese in esame, così come il 27% degli adolescenti, si trovano giornalmente coinvolti in situazioni analoghe: liti e rimproveri per l’uso eccessivo del cellulare.

Lo smartphone quindi sembra essere il compagno inseparabile degli Italiani, e infatti è sempre più difficile farne a meno, tanto che è stato coniato un termine apposito per definire la paura di restare senza cellulare: si parla infatti di nomofobia, che è una abbreviazione di no-mobile-phone fobia. Per fortuna ci sono molte cose che possiamo fare per ridurre i rischi di incorrere in questa paura.

Come combattere la dipendenza da cellulare?

Riconoscere il problema è il primo passo per migliorare. Gli strumenti a tua disposizione per far fronte a questa fastidiosa "patologia" possono essere libri che parlano di digital detox, applicazioni o, semplicemente, il dialogo con un amico caro.

 

Libera Mente
Proteggi il futuro dei tuo cari con la polizza vita facile e conveniente a partire da 8€ al mese
Fai un preventivo


Curioso come la tecnologia stessa possa aiutarci a liberarci dall’uso continuo del cellulare. Nello specifico, ecco alcune app che puoi installare sul tuo telefonino proprio per tenere sotto controllo o limitarne l’uso.

  • Freedom - Applicazione che permette di bloccare le altre applicazioni del tuo cellulare
  • Moment - Applicazione che permette di controllare quanto tempo trascorri al cellulare. È possibile monitorare anche gli altri membri della famiglia
  • Menthal - Applicazione che valuta il tuo grado di dipendenza dal cellulare
  • Quality Time - Applicazione che stila una classifica delle applicazioni più utilizzate

Un approccio forse un po’ drastico potrebbe essere quello di acquistare un cosiddetto “feature phone” e tornare negli anni '90. Questo può aiutarti a passare meno tempo con il cellulare, si tratta infatti di dispositivi le cui funzioni si limitano a quelle principali:

  • effettuare e ricevere chiamate
  • mandare e ricevere sms

Sono telefoni poco commercializzati, ma si vedono già in commercio dei nuovi prodotti che offrono proprio l’assenza di distrazioni e la limitazione delle funzionalità come una vera e propria caratteristica di spicco. Ecco alcuni modelli ancora in commercio: Nokia 105, Alcatel One Touch 20-04G, Punkt MP01, Lightphone.

Un altro accorgimento che puoi prendere è importi un uso più consapevole del tuo telefonino. Il cellulare è uno strumento, e come tale va utilizzato. Se ti senti sopraffatto da internet e messaggi, in particolare, prova a spegnere il cellulare e a goderti il tempo ritrovato. Dai uno sguardo a questo video per capire di cosa stiamo parlando:


Fai una passeggiata o un po’ di attività fisica stando “disconnesso”, ad esempio. Questo può aiutarti a recuperare quel contatto con la realtà, che lo smartphone rischia di sottrarti in ogni momento della giornata.

Secondo il sociologo Francesco Mattioli dell’Università Roma La Sapienza "non si tratta di disintossicarsi dalla tecnologia, ma di imparare ad usarla. Saperla governare senza diventarne schiavi. ", e aggiunge "è necessario che l’interazione diretta, più complessa e difficile da gestire, non sia progressivamente sostituita da quella indiretta, che richiede minor impegno”.

Conclusioni

Il cellulare, i dati lo dimostrano, è sempre più uno strumento che pervade la vita degli Italiani. Molti dei servizi che utilizziamo, e che lo rendono così prezioso per noi (chat, social, app) sono in apparenza gratuiti, ma in realtà richiedono sempre più il nostro tempo e la nostra attenzione. Con questi accorgimenti possiamo continuare a godere dei vantaggi della tecnologia, rimettendo però al centro noi ed i nostri cari.

Leggi anche: