5 consigli per vincere il bullismo online

Le vacanze di Natale sono ormai alle spalle e con il ritorno alla routine quotidiana serve tenere sempre alto il livello di guardia sulla sicurezza dei nostri figli. Oggi gli episodi di bullismo si verificano soprattutto online. Ecco alcuni consigli per proteggere i tuoi ragazzi dai bulli da tastiera.

Gli adolescenti di oggi hanno libero accesso a Internet in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo dai dispositivi più diversi (smartphone, tablet, computer di classe, pc portatili, ecc.). Addirittura, secondo Save the Children, sulla base di un’elaborazione dei dati ISTAT specifici per i minori, soltanto l’11,5% dei ragazzi italiani (di età compresa tra gli 11 e i 17 anni) non ha mai utilizzato Internet. Pertanto, il pericolo che i nostri figli utilizzino gli strumenti del web in maniera inappropriata si fa sempre più elevato.

Per prevenire i rischi provenienti dal mondo digitale e aiutare i tuoi figli ad utilizzare le risorse del web in sicurezza, condividi con loro questi consigli:

  • Non rispondere alle provocazioni. In caso di provocazione da parte di un bullo, la prima regola da seguire è quella di non reagire allo stesso modo.  Non bisogna mai rispondere alle email, agli SMS e ai post con contenuto offensivo. Piuttosto, quando si ricevono comunicazioni di questo tipo è prioritario informare i genitori o comunque un adulto di fiducia. È importante far capire loro che comportandosi in questo modo non verranno mai privati degli strumenti di accesso a Internet. 
  • Cerca di evitare fraintendimenti. In alcuni casi, i messaggi scambiati online se analizzati fuori dal contesto possono essere male interpretati. Per questo è importante insegnare ai ragazzi ad essere empatici e ad osservare le cose anche dal punto di vista altrui. Quando ci si trova per la prima volta dinanzi ad un commento sgarbato, prima di allarmarsi si dovrebbe capire se questo è stato concepito appositamente per ferire il destinatario oppure no. 
  • Conserva le tracce. Quando non si tratta di un episodio isolato, diventa fondamentale conservare le tracce lasciate dal bullo tutte le volte che si palesa con i suoi messaggi offensivi. Effettua uno screenshot dei commenti e dei messaggi ricevuti e registra data e ora di ogni singolo episodio di bullismo. Queste informazioni potranno essere utili in un confronto con altri ragazzi o genitori, ma possono anche costituire una prova qualora volessi poi ricorrere alle vie legali.
  • Blocca il bullo. Sul web vi è la possibilità di bloccare, almeno parzialmente, le azioni del bullo. Le istruzioni da seguire per cancellare o bloccare i messaggi e/o l’account del bullo variano a seconda dello strumento utilizzato per l’invio dei contenuti offensivi. Richiedi le informazioni necessarie per effettuare la tua segnalazione al moderatore della chat, al fornitore del servizio (es. il team di assistenza Facebook o Twitter) o, nel caso di messaggi telefonici, al gestore della telefonia mobile. In alcuni casi, potrebbe essere necessario contattare la polizia postale.
  • Cambia i tuoi recapiti. Se neppure tutte queste azioni riescono a fermare il bullo, aiuta tuo figlio a cambiare numero di telefono o indirizzo email per evitare che continui a ricevere aggressioni tramite SMS o posta elettronica. E assicurati che condivida i suoi nuovi recapiti soltanto con persone di fiducia.
     
Crescerli è una sfida
Affrontala con un aiuto concreto per curare i tuoi figli e tutelare il loro futuro.
Scopri Protezione Junior

Se hai domande o dubbi sui problemi connessi all’utilizzo delle tecnologie digitali da parte dei minori e sulla sicurezza online dei tuoi figli puoi sempre rivolgerti  alla linea di ascolto del Safe Internet Center italiano oppure alla chat di Telefono Azzurro. Due servizi gratuiti che permettono ai minori e ai loro familiari di ricevere un aiuto immediato e competente da parte di professionisti qualificati.