Cani e bambini: 4 consigli per la sicurezza

I bambini adorano i cani, se ne innamorano e tendono a trattarli come fossero fratellini. Anche per questo molti genitori pensano ad un certo punto di regalare un cucciolo ai propri figli. Questo desiderio però può essere frenato dai timori che tutti i genitori hanno quando i più piccoli entrano in contatto con gli animali. Ecco 4 consigli per una convivenza serena tra bambini e cani.

Cani e bambini: crescere insieme in serenità e sicurezza

Anche se negli occhi dei cani leggiamo spesso dei sentimenti che parrebbero umani, va ricordato che i nostri amici animali agiscono seguendo in prevalenza il proprio istinto. Vanno, perciò, rispettati e gestiti con semplici accorgimenti che renderanno sicura e senza pericoli la relazione fra il cane e il piccolo di casa

#1 Gestire al meglio il primo incontro tra cane e neonato

Se in famiglia c’è un cane prima dell’arrivo di un bebè, è necessario porre attenzione al momento in cui si incontreranno per la prima volta. Bisogna infatti evitare che l’animale percepisca il nuovo nato, che d’ora in poi sarà al centro delle attenzioni della famiglia, come un “nemico”. All’uscita dall’ospedale, dopo il parto, la famiglia - cane compreso - dovrà varcare la soglia di casa, iniziando tutti insieme questa nuova fase della vita. In questo modo eviteremo che Fido veda entrare nel proprio “territorio” il bebè, situazione che potrebbe creare una contrapposizione psicologica tra i due.

#2 Creare greeting, rituali di gioia condivisa fra cani e bambini

Per evitare che il cane diventi possessivo e favorire una relazione serena con il bambino, possiamo creare dei piccoli rituali che li coinvolgano in momenti di gioia e allegria. Cerimonie che in etologia sono definite greetings (saluto) e che saldano i legami sociali.

Ad esempio, il momento del risveglio del cane può essere vissuto come una festa da condividere con il bambino, che può manifestare insieme a noi la sua gioia e il suo amore verso il cane con un tono di voce dolce, movimenti lenti, carezze e sorrisi. Questo greeting sarà l’occasione per rinsaldare il vincolo di affetto tra il bimbo e l’animale, sempre nel rispetto verso quest’ultimo e cercando di capire cosa ama di più quando si sveglia. Anche il rientro a casa è un rituale importante: l’occasione perfetta per manifestare al nostro amico a quattro zampe la nostra gioia nel rivederlo, sempre evitando urla e movimenti veloci.

 

Crescerli è una sfida
Affrontala con un aiuto concreto per curare i tuoi figli e tutelare il loro futuro.
Scorpi Protezione Junior

#3 Semplici regole da rispettare

A partire dai 3 anni, il bambino è in grado di imparare a rispettare gli animali domestici. Nei suoi confronti si dovranno, quindi, mettere in pratica alcune semplici regole che gli permetteranno di vivere in sicurezza e armonia il rapporto con il suo cane o con i cani che incontrerà fuori casa. Ad esempio:

• non fare mai del male al cane (ad esempio tirandogli le orecchie o la coda);
• non disturbarlo quando dorme né interromperlo quando mangia;
• se il cane ruba un giocattolo o un oggetto, chiamare subito i genitori, evitando di cercare di estrarlo dalla sua bocca;
• non saltare mai in groppa al cane, per “giocare a cavalluccio”;
• in presenza di un cane che non si conosce, evitare di correre e urlare;
• anche se il bambino ama i cani e vuole avvicinarsi ad animali che non conosce, è necessario evitare di avvicinarsi in modo brusco.

Molto meglio accostarsi lateralmente, con movimenti lenti, e farsi annusare una mano. Sarà il cane stesso, se gradirà, a dimostrarlo con un atteggiamento amichevole. A questo punto il bambino potrà fargli delle carezze sul petto e sul collo, evitando la testa, parlando con un tono di voce basso.

bimba con cane

#4 Non lasciare mai soli cani e bambini

Gli animali non sono giocattoli e possono avere comportamenti a volte imprevedibili, anche nei confronti dei propri padroni. Si tratta comunque di eventi rari e - soprattutto - evitabili. Le cause principali risiedono nella disattenzione dei genitori e in un mancato processo di educazione verso una convivenza sicura tra il cane e i figli. Il cane non è un giocattolo né tantomeno una babysitter cui affidare il bambino mentre si fa altro: anche l’animale più docile del mondo può reagire in modo inaspettato ad un gesto improvviso, inconsulto, percepito dal cane magari erroneamente come aggressivo, da parte di un bambino.

I benefici di un rapporto sano tra cane e bambini Attenzione, controllo e costante presenza vigile dei genitori sono preziose per far sviluppare e vivere la relazione con il cane in tutta sicurezza. Quando si rispettano queste regole i cani possono diventare qualcosa di più di semplici amici.

Da ricerca condotta dal Bassett Medical Center di New York è emerso che i bambini che vivono insieme a un cane, oltre a una minor incidenza di allergie e asma, sviluppano una migliore gestione dello stress e minori livelli di ansia. Non a caso i cani sono tra gli animali più utilizzati nei programmi di Pet Therapy.

Un cane può perfino aiutare a combattere e prevenire la sedentarietà e l’obesità giovanile come ha dimostrato uno studio della Deakin University di Melbourne pubblicato sulla rivista “Health Promotion Journal of Australia”. I bimbi con un cane sono il più delle volte in ottima forma, proprio grazie al tempo passato insieme a giocare e camminare.

FONTI: nostrofiglio.it - ilpiacenza.it - nanopress.it

 

Leggi anche: