Cessione del quinto, chi può farla e come tutelarsi dagli imprevisti

La cessione del quinto (dello stipendio o della pensione) è una forma di prestito personale particolare che viene restituito detraendo una parte dello stipendio (o della pensione). L’accesso al credito è consentito a dipendenti pubblici, dipendenti privati e pensionati ed è tutelato da specifiche assicurazioni che coprono da imprevisti sia il contraente che il creditore. Vediamo meglio cos’è e come tutelare il proprio credito.

La cessione del quinto, sia essa dello stipendio o della pensione, è un tipo di prestito presente in Italia fin dagli anni ‘50 [1]. Permette di ottenere un finanziamento e di rimborsarlo cedendo il 20% del proprio stipendio netto, per l’appunto “un quinto”, ed è riservato a dipendenti, sia pubblici che privati, e a pensionati.

Di norma la durata massima che può raggiungere il prestito è di 120 mesi (o 90 anni di età per chi cede la pensione) e non può superare il termine del rapporto di lavoro, eccezion fatta per i dipendenti pubblici. La legge, inoltre, stabilisce che venga sempre sottoscritta un’assicurazione vita e una che copra l’eventuale perdita del posto di lavoro.

 

Che cos’è la cessione del quinto e  chi può richiederla

La cessione del quinto dello stipendio (sigla C.Q.S.) o della pensione (sigla C.Q.P.) è, come già accennato, una forma di prestito personale molto caratteristica perché viene erogata a fronte della cessione di un quinto della tua retribuzione netta.

La trattenuta viene effettuata direttamente dal datore di lavoro o dall’INPS, a seconda che tu sia un dipendente pubblico, un dipendente privato o un pensionato. Esistono limitazioni qualora tua sia un lavoratore a tempo determinato o abbia una pensione di invalidità, perché in queste situazioni non tutti i soggetti eroganti concedono la cessione. Mentre sono totalmente esclusi i lavoratori autonomi.

Effettuata la detrazione direttamente dallo stipendio, il datore di lavoro ogni mese versa la quota alla banca o alla finanziaria che ha erogato il prestito, fino all’estinzione del debito. Analogamente per i pensionati sarà direttamente l’ente previdenziale a “girare” la somma stabilita.

Caratteristiche della cessione del quinto

La cessione del quinto consente la possibilità di finanziare soggetti di età avanzata o che abbiano difficoltà con l’accesso al credito. In tutti i casi, comunque, la durata massima è stabilita in 120 mesi (10 anni) e il richiedente, in genere, non può avere più 90 anni al momento dell’estinzione del prestito. Ciò che significa che una persona di 85 anni, potrà chiedere un finanziamento con rimborso in massimo 5 anni.

Esiste, inoltre, anche la possibilità di impegnare una somma maggiore del quinto dello stipendio sottoscrivendo un contratto di delega. Attraverso questa particolare autorizzazione, la parte di stipendio ceduta può arrivare a raddoppiarsi. In questi casi può essere necessario fornire all’ente erogante una garanzia (reale o personale) che, di norma, non è richiesta con la semplice cessione del quinto. Il TFR maturato e le trattenute dirette sullo stipendio o sulla pensione mitigano, infatti, il rischio di insolvenza del debitore e rappresentano una tutela per il creditore. A ciò si aggiungono le coperture assicurative obbligatorie che rappresentano un vantaggio per te che richiedi la cessione del quinto, ma anche per il finanziatore che la concede.

L’importanza dell’assicurazione TCM obbligatoria

Come già accennato, le assicurazioni sono parte integrante del contratto di cessione del quinto. Inserite per legge in questo strumento finanziario, sono un’importante tutela per entrambi i soggetti coinvolti, in particolare per te che richiedi il finanziamento. Le assicurazioni proposte nelle cessioni del quinto dello stipendio sono due:

  • Una assicurazione vita che copra anche in caso di invalidità permanente
  • Una assicurazione a tutela della perdita imprevista del posto di lavoro

La prima ti permette di tutelare il tenore di vita della tua famiglia e dei tuoi cari in caso di grave imprevisto che si trasformi nella impossibilità di corrispondere le rate di rimborso. L’assicurazione copre, infatti, il capitale necessario all’estinzione del prestito, sollevando così gli eredi o i congiunti da qualsiasi onere.

La seconda clausola richiesta, ovvero la copertura in caso di perdita del posto di lavoro, consente di cedere all’assicurazione l’onere del pagamento del debito residuo in caso di licenziamento imprevisto.

Ovviamente, nelle operazioni di cessione del quinto della pensione il rischio che viene coperto dalle compagnie assicurative è solo quello del caso morte, ma è bene sottolineare come il costo della copertura è più altro rispetto alla CQS. Questo è dovuto al fatto che le tariffe assicurative sulla vita variano a in base all’età dell’assicurato.

Conclusioni e consigli finali

La cessione del quinto dello stipendio può essere un metodo per ottenere credito senza ricorrere a strumenti più complessi come il mutuo. Se sei un giovane alle prese con la prima casa o con una nuova famiglia, puoi anche scegliere di farti aiutare dai genitori con la cessione del quinto della pensione.

Prima di chiedere alla tua banca l’accesso a questa forma particolare di finanziamento, devi ricordare che:

  • La cessione del quinto può essere richiesta solo da dipendenti (pubblici e privati) a tempo indeterminato o da pensionati;
  • In casi particolari può essere richiesta anche da chi ha un contratto a tempo determinato;
  • La restituzione del debito deve avvenire in massimo 120 mesi (10 anni);
  • È obbligatorio e richiesto dal contratto stesso, sottoscrivere un’assicurazione TCM che copra anche il caso di perdita imprevista del posto di lavoro.
  • Le TCM solitamente aumentano di costo all’aumentare dell’età del richiedente: puoi scoprire subito quanto ti costa un’assicurazione per richiedere la cessione del quinto cliccando qui

Fonti per questo articolo

[1]http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario;jsessionid=ceVOpriTGZgadCh4Ivam3A__.ntc-as3-guri2b?atto.dataPubblicazioneGazzetta=1950-11-22&atto.codiceRedazionale=050U0895&elenco30giorni=false

 

Libera Mente
Proteggi il futuro dei tuo cari con la polizza vita facile e conveniente a partire da 8€ al mese
FAI UN PREVENTIVO