Granita e brioche a colazione, gelato a merenda, aperitivo on the beach, pranzi in spiaggia: sono solo alcuni tra gli appuntamenti tipici dei vacanzieri. E se da un lato regalano momenti di relax, serenità e divertimento, dall’altro lasciano sul nostro corpo un indelebile ricordo: i chili in più.

Capiamoci: non è solo una questione estetica. Una forma fisica non smagliante, proporzionalmente all’età, significa soprattutto conseguenti problemi di postura, di camminamento, di affaticamento e influisce sull’umore, con ricadute sulla qualità della vita.

Ma come contrastare i risultati delle malsane abitudini del post vacanze? Puntando alla disintossicazione del nostro corpo, eliminando scorie e tossine e ripristinando le corrette abitudini alimentari e fisiche.

Gli errori da evitare e i trucchi da mettere in pratica Presi dalla frenesia di voler cancellare gli effetti visibili, rischiamo di andare nel panico e commettere degli errori grossolani che non solo rallentano il ripristino della forma fisica, ma rischiano di debilitare l’intero organismo.

Come sostiene anche il medico nutrizionista Luca Piretta, il primo errore più frequente è rinunciare al cibo in ogni sua forma e dedicarci anima e corpo ad un digiuno forzato e al salto dei pasti. Conseguenze? Ci ritroviamo ad affrontare l’attanagliante senso di fame senza alcuna lucidità e con maggiori probabilità di ingurgitare i peggiori concentrati di calorie che il mercato ci propina.

Il secondo degli errori che commettiamo è il cadere nella disperazione e continuare a consumare cibi ipercalorici, riducendone pian piano la quantità: crediamo così di disabituare il corpo al consumo di leccornie, ma senza imporci la violenza psicologica della rinuncia. Nulla di più sbagliato!

Meglio approcciarsi alla dieta detox con consapevolezza, determinazione e costanza e tenendo a mente l’ABC dei piccoli trucchi da utilizzare per ridurre il senso di fame e mantenere alto il piacere di stare a tavola.

E allora cominciamo la giornata con una salutare tisana depurativa, della semplice acqua naturale o alimenti diuretici e ricchi di acqua (come cetrioli e finocchi) e continuiamo a bere acqua durante tutta la giornata, anche per ridurre la voglia di consumo di caffè, bevande gassate e alcolici.

Prediligiamo alimenti freschi e di stagione (frutta e verdura sono permesse in quantità!) e formaggi freschi, pesce e carni bianche. Evitiamo di esagerare con i condimenti e le cotture elaborate.

Riduciamo le quantità di cibo ingerito, magari consumandolo in piatti più piccoli per illuderci che nulla sia cambiato, e prima di cominciare a mangiare beviamo un bicchiere d’acqua o consumiamo verdura cruda o un frutto, in modo da attutire il senso di fame e ridurre l’apporto calorico.

 

Sei sempre al massimo dell'energia?
Se ami vita attiva, viaggi e sport ecco le polizze ideali per non farti rallentare dagli imprevisti. Da soli €9,40 al mese
Scopri le soluzioni per te

Dieta Detox: cos’è e a cosa serve

Chiamarla dieta non è del tutto corretto: sarebbe meglio parlare di vero e proprio regime alimentare, che però in pochi oggigiorno portano avanti nel quotidiano. Così il Detox è diventato una terapia d’urto per rimuovere dal nostro corpo le tossine accumulate e le scorie degli agenti contaminati, nocivi per la nostra salute, che ormai troviamo in tutto ciò che portiamo in tavola (a meno che non sia prodotto nel nostro orticello - forse). Stiamo parlando di farmaci, pesticidi, additivi chimici ed elementi inquinanti dei terreni.

I benefici prodotti dal seguire questo tipo di alimentazione per qualche giorno, di tanto in tanto, riguardano:

allergie e intolleranze alimentari: grazie al consumo di alimenti drenanti e antiossidanti, la sintomatologia si riduce sensibilmente;
pelle grassa, brufoli e acne: con la riduzione di consumo di alimenti pieni di grassi e zuccheri raffinati, il nostro corpo riduce la produzione di grasso e ne migliora lo smaltimento con un conseguente stato di benessere;
fegato: è l’organo che più risente di un accumulo di scorie e tossine nel corpo e la sua rigenerazione ha effetti sulla funzione epatica e sui processi metabolici del nostro organismo;
liquidi in eccesso: il consumo di alimenti disintossicanti influisce anche sulla riduzione del gonfiore di addome e gambe e sulla riduzione degli inestetismi della pelle (legati anche ad una vita troppo sedentaria);
colon: la sua irritabilità è legata a stress e abusi; con la Detox riusciamo a depurare e riequilibrare anche la flora intestinale;
dimagrimento: eliminando i cibi grassi e ipercalorici e aumentando il consumo di alimenti sani (frutta e vedura su tutti) riusciamo anche a ridurre il nostro peso in eccesso, senza però rinunciare al piacere del cibo.

Cosa mangiare al rientro dalle vacanze

Detox: gli alimenti da consumare

Crudi, cotti, concentrati o sotto forma di infuso, ecco quali sono gli alimenti che la natura ci mette a disposizione per disintossicare il nostro organismo e ritrovare il benessere, interiore ed esteriore.

Limone

È un efficace antibatterico e purifica il sangue. Ottimo da utilizzare come condimento per i cibi (insieme ad aglio, cipolla e olio extravergine di oliva) e non solo: iniziare la giornata bevendo il succo di un limone spremuto in una tazza di acqua tiepida ci consente di sbloccare l’intestino - stimolando la produzione di enzimi - e ripulire il corpo dalle tossine in eccesso - grazie all’elevata quantità di vitamina C.

Cardo mariano

Toccasana per il fegato. Da consumare preferibilmente sotto forma di tisana (come anche altre erbe drenanti come finocchio, te verde, tarassaco). Si può anche usare nell’insalata, condito con un po’ di olio e pane casareccio di grano saraceno e miglio.

Semi di lino

Macinati e aggiunti a yogurt, macedonia o frutta cotta nutrono e disintossicano.

Frutta

Di tutti i tipi, colori e misure, soprattutto i frutti ricchi di antiossidanti (lamponi, mirtilli e albicocche), con proprietà drenanti (anguria e ananas) e quelli ricchi di vitamine (fragole, kiwi, pompelmi, arance e mandarini).

Verdura

Dagli strepitosi effetti drenanti sono sedano, carciofi, spinaci, broccoli e verdure a foglia verde.

Cereali

I carboidrati possono essere sostituiti da orzo (anche soffiato), farro, kamut, riso integrale, avena e fette biscottate (o pasta o pane) integrali.

Proteine animali

Da preferire quelle provenienti dal pesce, meglio se azzurro: quindi merluzzo, salmone, tonno, alici e sarde.

Proteine vegetali

Ne troviamo in abbondanza nei legumi (piselli, ceci, fave, fagioli, lenticchia e soia).

Dieta: le App più utili

Nell’era del digitale, a darci una mano in più per nutrirci al meglio e poter confrontare i risultati anche con amici (reali o virtuali), arrivano le App che ci accompagnano e ci sostengono in qualsiasi momento della giornata, via smartphone o tablet.

Ad esempio, Diario Alimentare è “la prima applicazione che ti aiuta a tenere sotto controllo il tuo peso e la tua alimentazione con l'aiuto di un professionista. Potrai così essere guidato passo-passo durante la tua alimentazione e ti verranno fornite utili notizie per raggiungere i tuoi obiettivi”. Ed è gratuita e disponibile per iOs e Android.

Molto apprezzata dal pubblico è anche Melarossa, un’App “sviluppata da un team di esperti nutrizionisti e dietologi ed è l’unica supervisionata dalla Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione”. La prima settimana di dieta è gratis. Poi, se si decide di continuare, si può scegliere un abbonamento settimanale o mensile al costo di € 0,99 / settimana oppure € 2,99 / mese.

Come in tutte le situazioni della vita, ricordiamo che il troppo storpia. Quindi cerchiamo di non giocare con la nostra salute: mangiamo in modo vario, affidiamoci alla stagionalità degli alimenti, beviamo tanta acqua ed evitiamo gli eccessi. E la prossima volta, ricordiamoci che è meglio prevenire che curare!

Leggi anche:

Fitness & alimentazione: i quattro nuovi trend per rimettersi in forma

 

postato: Settembre 15, 2016