Le polizze assicurative quando non si è più autosufficienti

Con il termine “Long term care” si intende solitamente una polizza che ha come obiettivo quello di offrire una rendita o rimborsare le spese di assistenza quando l’assicurato non è più autosufficiente. In Italia sono poco diffuse. Sono polizze che, se stipulate intorno ai 40/50 anni, possono essere convenienti e garantire una vecchiaia serena anche in caso di problemi di salute che possono renderci non autosufficienti.

L’Italia è il terzo Paese più “anziano” al mondo, dopo il Giappone e la Germania (An Aging World 2015, rapporto commissionato dai National Institutes of Health e prodotto dal Census Bureau Usa) e per la prima volta nella storia si è verificato che in questi tre Stati il numero di persone ultrasessantacinquenni è superiore a quello dei bambini con meno di 5 anni.

Sicuramente si tratta di dati inediti per la crescita economica e sociale, ma sono soprattutto indicatori che devono far riflettere anche sulla necessità di assistenza alternativa e strutture in grado di sostenere la popolazione sempre più avanti con gli anni.

Anche per questo mo

L’Italia è il terzo Paese più “anziano” al mondo, dopo il Giappone e la Germania (An Aging World 2015, rapporto commissionato dai National Institutes of Health e prodotto dal Census Bureau Usa) e per la prima volta nella storia si è verificato che in questi tre Stati il numero di persone ultrasessantacinquenni è superiore a quello dei bambini con meno di 5 anni.

Sicuramente si tratta di dati inediti per la crescita economica e sociale, ma sono soprattutto indicatori che devono far riflettere anche sulla necessità di assistenza alternativa e strutture in grado di sostenere la popolazione sempre più avanti con gli anni.

Anche per questo motivo si stanno diffondendo rapidamente polizze assicurative specifiche per garantire assistenza e una piccola rendita quando il beneficiario non dovesse più essere autosufficiente: sono le cosiddette “long term care”, letteralmente “assistenza a lungo termine” e possono essere un aiuto davvero necessario nel momento in cui si dovessero sviluppare problemi di salute che impediscono di essere autosufficienti al 100%.

Come funziona una polizza Long Term Care per persone non autosufficienti

Le polizze note con la sigla LTC, acronimo di Long Term Care, appartengono per lo più al ramo “vita” e sono perciò simili, nelle loro caratteristiche, a molte tra quelle più note sul mercato. Così come una normale assicurazione, anche in questo caso si tratta di garantirsi un’assistenza per determinate evenienze (la perdita dell’autosufficienza), attraverso premi mensili ridotti che possono coprire capitali anche molto maggiori di quelli versati. In questo caso si parla, tecnicamente, di polizze “ad accumulazione”.

Alcune tra queste polizze rientrano invece nel segmento malattia e sono note anche come assicurazioni “a ripartizione”. Questo tipo di garanzia è molto diffuso all’estero mentre in Italia non è quasi mai preso in considerazione. Sono quasi sempre le casse professionali a proporle agli associati come forma di tutela per la famiglia. La differenza con il primo tipo di polizza è sostanziale: in questo caso, infatti, non c’è nessun accumulo di capitale. Le somme versate attraverso i premi mensili servono a coprire le evenienze dell’anno in corso, proprio come una qualsiasi assicurazione sanitaria.

Il costo mensile di questo tipo di polizze viene stabilito in base alle caratteristiche del singolo assicurato. Sarà quindi valutata l’età del beneficiario, il sesso e il suo stato di salute al momento dell’attivazione della polizza. Anche per questo le polizze Long Term Care sono particolarmente convenienti prima dei 45 anni.

Una polizza vita a tutela della tua “terza età”, ecco perché conviene pensarci oggi

Le famiglie sono sempre meno numerose e la media in Italia, scesa ancora e drasticamente nell’ultimo decennio, è di 1,35 figli per ogni donna .

Di conseguenza in Italia moltissimi nuclei sono composti da genitori e un solo figlio, mentre esistono tante altre famiglie che – per scelta o per altre ragioni – non ne hanno alcuno. Questa tendenza rende col tempo sempre più necessaria una forma di tutela della vita degli anziani visto che, sempre più spesso, si troveranno ad affrontare gli imprevisti in autonomia, anche finanziaria.

Le polizze LTC sono l’ideale per coprire esigenze diverse, sia di servizi che finanziarie. Nel caso il beneficiario fosse temporaneamente o permanentemente impossibilitato a compiere delle azioni quotidiane come mangiare, provvedere all’igiene personale, camminare, parlare, o svolgere altre azioni che garantiscono la dignità della persona, è possibile accedere direttamente a servizi di assistenza offerti dalle compagnie assicuratrici (solitamente prestazioni domiciliari assistenziali e/o mediche). In alternativa si può richiedere la liquidazione dell’indennità, un beneficio importante nel caso in cui sia necessario ricorrere alle cure di una persona dedicata H24 all'assicurato.

Anche in questo caso pensare per tempo alla propria salute e alle condizioni che potrebbero verificarsi in un momento di difficoltà aiuta ad arrivare preparati dinanzi all’emergenza. A maggior ragione in casi come questi quando, aver bisogno di un’assistenza potrebbe voler significare gravare sulle spalle dei figli o dei parenti prossimi che non sempre sono nelle condizioni di essere utili. Assicurarsi è un atto di responsabilità; è la scelta migliore per proteggere te stesso e le persone che più ami.

tivo si stanno diffondendo rapidamente polizze assicurative specifiche per garantire assistenza e una piccola rendita quando il beneficiario non dovesse più essere autosufficiente: sono le cosiddette “long term care”, letteralmente “assistenza a lungo termine” e possono essere un aiuto davvero necessario nel momento in cui si dovessero sviluppare problemi di salute che impediscono di essere autosufficienti al 100%.

 

 

MetLife
110 milioni di clienti, 50 Paesi nel mondo, un'unica aspirazione: proteggere ciò che ami ed è importante per te.
Scopri chi siamo