Il nostro servizio clienti è a tua disposizione * campo obbligatorio
Inserisci qui la tua richiesta: lunghezza max 250 caratteri.
Il testo in eccesso non verrà inviato.

Grazie per il messaggio!

Abbiamo ricevuto la tua richiesta

A breve sarai contattato dai nostri collaboratori. Puoi tornare alla home page o visitare le pagine dedicate alle polizze vita, infortuni o salute.

Per ulteriori informazioni o richieste visita la nostra area di assistenza clienti.

Qualcosa è andato storto.

C'è stato un errore nell'invio del messaggio.

Siamo spiacenti, l'invio del tuo messaggio non è andato a buon fine.

Premi il tasto "indietro" per tornare alla pagina di contatto conservando i dati inseriti oppure riprova più tardi.

Visita l'area di assistenza per altre richieste o informazioni.

Eredità, come tutelarsi dai debiti di un parente

Alla scomparsa di un parente può capitare di ereditare debiti pregressi. Ecco come evitare questo tipo di eredità.


rinuncia eredità debiti

Alla scomparsa di un parente può capitare di ereditare debiti pregressi. Nell'articolo spieghiamo come si può evitare questo tipo di eredità.

La scomparsa di una persona cara è di per sé un momento difficile da superare, intriso di dolore e sofferenza. Ma, spesso, a questo malessere intimo e psicologico, devi anche aggiungere i possibili intoppi legati all’eredità del patrimonio, alle tasse e alla burocrazia. E se sei un erede, tutto si complica.

Di regola infatti, gli eredi acquistano sia i crediti che i debiti del de cuius, in proporzione alla quota ereditata, mentre i legatari - cioè le persone che ottengono uno o più beni specifici del patrimonio - non acquistano i debiti.

Eredità: come valutare crediti e debiti

Se sei erede naturale - o sei stato nominato tale nel testamento - è necessario valutare il patrimonio attivo (di solito noto a tutti visto che parliamo di case di proprietà, conti correnti o pensioni) e quello passivo (quasi sempre sconosciuto ai più!) del defunto prima di decidere se accettare l’eredità o rifiutarla o se accettarla con beneficio di inventario.

È importante ricordare che in caso di accettazione dell’eredità (espressa o tacita) il patrimonio del defunto e quello dell’erede diventano un tutt’uno: quindi, in caso di debiti, i creditori potrebbero intaccare anche il tuo patrimonio personale!

Valutazione dei crediti

Per valutare la consistenza del patrimonio attivo, la prima cosa da fare è effettuare una visura immobiliare (o catastale), direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate (per chi è iscritto) o presso gli sportelli catastali del Comune. Questo tipo di consultazione è gratuita e ti permette di conoscere i dati reddituali degli immobili, i dati grafici dei terreni e delle singole unità immobiliari e gli eventuali atti di aggiornamento catastale.

Se il defunto aveva un conto (corrente o di deposito) in banca, sarà necessario sbloccarlo chiedendo alla banca i documenti necessari per poter quantificare la liquidità presente sul conto. Stessa procedura se il parente era proprietario di un libretto di risparmio, per verificare il valore dei titoli detenuti. Idem per i fondi comuni.

Queste valutazioni servono per stilare una parte della dichiarazione di successione, documento utilizzato dallo Stato per calcolare il dovuto (nei suoi confronti) da parte del defunto: meglio rivolgersi ad un notaio o al Caf per la corretta compilazione e la lista dei documenti da allegare in base alle dichiarazioni presentate.

Valutazione dei debiti

Per valutare la presenza di debiti maturati dal defunto nei confronti di Equitalia, puoi richiedere l’estratto di ruolo tramite email o allo sportello più vicino alla residenza del de cuius: in questo documento troverai le eventuali cartelle notificate, complete di importi e causali.

Per completare la richiesta avrai bisogno di una serie di documenti:

  • il certificato di morte del defunto
  • un tuo documento d’identità e codice fiscale
  • una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà nella successione
  • la delega da parte degli altri eredi (se esistenti)
Proteggi la tua famiglia con la polizza Libera Mente

Libera Mente

Proteggi il futuro dei tuo cari con la polizza vita facile e conveniente a partire da 8€ al mese

Tieni conto che non si ereditano i debiti con il fisco solo se:

  • si tratta di sanzioni (che per legge hanno natura personale) e su cui bisogna presentare una richiesta di sgravio all’Agenzia delle Entrate
  • si è rifiutata l’eredità, dopo aver fatto l’inventario entro 3 mesi dal giorno di lettura del testamento e avendo comunicato l’intenzione di rifiuto entro i successivi 40 giorni.

In caso di debiti del defunto nei confronti di altri soggetti, anche privati, vedrai che non tarderanno a palesarsi: e sarai tu erede a dover saldare tutti i debiti del de cuius.

Rinuncia eredità: come si fa e quali effetti

Se dopo le tue valutazioni decidi di rinunciare all’eredità per debiti, devi farlo per iscritto davanti ad un notaio o al cancelliere del Tribunale di competenza. E sei chiamato a farla entro 3 mesi dalla scomparsa del de cuius (se sei in possesso dei suoi beni) o entro 10 anni (in caso di non possesso). L’atto di rinuncia va sicuramente fatto prima della divisione dell’eredità (che comporta la tacita accettazione della stessa).

Se rinunci all’eredità, ti lasci alle spalle sia i crediti che i debiti e non corri il rischio che eventuali creditori possano avanzare richieste di pagamento nei tuoi confronti [come recita l’art. 519 del codice civile].

Accettazione con beneficio d’inventario: cosa vuol dire e quali effetti

Accettare l’eredità con beneficio d’inventario serve principalmente a mantenere il tuo patrimonio e quello del defunto scorrelati tra loro, in modo da limitare gli eventuali danni economici di una successione con più debiti che crediti: in altre parole, se i debiti superano il valore dell’eredità, tu sarai chiamato a restituire al massimo il valore ereditato; il tuo patrimonio personale non verrà intaccato.

Anche in questo caso, ti sarà richiesta la stesura di una dichiarazione ufficiale davanti ad un notaio o al cancelliere del Tribunale in cui si è tenuta l’apertura del testamento. Devi redigere questo documento entro 3 mesi dalla successione e decidere cosa fare nei 40 giorni successivi - se sei in possesso di beni ereditati dal defunto; altrimenti hai 10 anni di tempo per inventariare il patrimonio del defunto e decidere se accettare o rinunciare all’eredità [come scritto nell’art. 484 del codice civile].

Dal 2017 anche la dichiarazione di successione si è trasformata da analogica e cartacea a digitale. Dal 1° gennaio 2018 il modulo cartaceo andrà ufficialmente in pensione e tutta la procedura sarà completamente digitalizzata: conoscere le corrette tutele diventa quindi fondamentale per non rischiare di ereditare debiti.

Post correlati Più recente