Le 5 domande da porsi prima di cambiare lavoro

Se consideriamo che trascorriamo una buona parte del nostro tempo lavorando, è assolutamente ragionevole pensare di costruirsi un percorso professionale tagliato su misura, che ci aiuti a sentirci sereni ed appagati. Ma quando una carriera professionale può definirsi davvero soddisfacente? E come si fa a capire se è il momento giusto per andare alla ricerca di una nuova occupazione? Se ti senti prigioniero della routine o ti stai chiedendo da tempo che cosa si nasconde dall’altra parte della barricata, forse è giunto il momento di porsi qualche domanda.

1. Esistono concrete possibilità di avanzamento di carriera?

Secondo un’indagine condotta da Hays Italia, società di ricerca e selezione del personale, su più di 1.600 professionisti provenienti da diversi settori, oltre il 65% dei lavoratori italiani lascerebbe l’attuale impiego per cercarne uno che offra maggiori prospettive di crescita professionale.  Se desideri scalare i vertici aziendali ma ritieni di non avere grandi opportunità per la posizione che occupi in azienda, prima di guardare altrove, cerca di valutare tutte le possibilità esistenti nel tuo attuale contesto lavorativo. Parla con il tuo capo per capire se per te esistono davvero delle concrete possibilità di avanzamento di carriera. Potresti rimanere sorpreso nello scoprire quello che la tua azienda è disposta a fare pur di trattenere un buon dipendente.

2. Posso puntare ad un aumento di stipendio?

Sempre secondo lo studio condotto da Hays Italia, quasi il 54% dei lavoratori intervistati accetterebbe di cambiare lavoro per ottenere una retribuzione migliore.  L’ammontare dello stipendio è sicuramente uno dei fattori che incide maggiormente sulle scelte professionali dei lavoratori di tutto il mondo. Tuttavia, è altrettanto importante valutare se il nuovo lavoro comporta non solo un aumento di stipendio ma anche costosi cambiamenti. Per esempio un tragitto casa-lavoro più lungo, più ore di lavoro, una riduzione dei benefit, un ambiente di lavoro diverso o una minore flessibilità sono tutti elementi che devono essere presi in considerazione per capire se vale davvero la pena cambiare lavoro per denaro. 

Stretta di mano incontro affari 

3. Il mio lavoro è in linea con i miei interessi?

Molte persone ritengono di essere brave in quello che fanno, ma non nutrono alcun interesse per il loro lavoro una volta fuori dal proprio ufficio. In tutto questo non c’è nulla di sbagliato, ma è possibile che ci si senta maggiormente realizzati quando si occupa una posizione in linea con i propri obiettivi e interessi personali. Cosa ti appassiona fuori dal lavoro? Quali sono le cose del tuo lavoro attuale che ti appassionano maggiormente? E quali quelle che trovi meno interessanti? Rispondendo a queste domande riuscirai a capire se sei veramente soddisfatto del tuo lavoro, oppure è necessario dare una svolta alla tua carriera.

4. Sono soddisfatto del rapporto di equilibrio esistente tra lavoro e vita privata?

Per ritenersi realmente appagati della propria carriera professionale è necessario trovare il giusto punto di equilibrio tra vita lavorativa e vita privata. Se occupi una posizione che da contratto prevede 40 ore di lavoro settimanale, ma in realtà trascorri più di 60 ore a settimana in ufficio vuol dire che sei ancora molto lontano dal raggiungere il tuo punto di equilibrio. I lavoratori che hanno raggiunto un equilibrio appaiono riposati e godono di numerosi benefici: sono molto più produttivi sul lavoro e hanno una visione più positiva della vita sia dentro che fuori dall’ufficio. Stai lavorando molto di più di quanto ti era stato prospettato nel momento in cui hai accettato l’incarico? Ritieni che il lavoro finisca per condizionare la tua vita privata? Solo rispondendo a queste domande potrai capire se è necessario operare quel cambio di rotta che ti permetta di riprendere in mano la tua vita con rinnovata energia ed entusiasmo.

5. Condivido la cultura aziendale della società per cui lavoro?

La cultura aziendale definisce l’ambiente in cui i membri di un’organizzazione operano quotidianamente uno al fianco dell’altro. Quali sono i valori e gli obiettivi dell’azienda per cui lavori? Quali sono le aspettative e le regole che guidano la tua azienda? Si tratta di un ambiente rilassato o frenetico? Come interagiscono i dipendenti tra loro e con i loro superiori? La cultura aziendale cambia da un posto di lavoro all’altro, anche all’interno dello stesso settore. Chiediti se l’ambiente in cui lavori si concilia con la tua personalità, i tuoi obiettivi e le tue aspettative o se, invece, stai cercando qualcosa di differente.

Libera Mente
Proteggi il futuro dei tuo cari con la polizza vita facile e conveniente a partire da 8€ al mese
Fai un preventivo

Fai il passo successivo

Hai risposto a queste cinque domande? Bene, ora prima di prendere una decisione definitiva sul lasciare o meno l’incarico che ricopri attualmente, richiedi un colloquio al tuo capo per discutere con lui della situazione di incertezza che stai attraversando.

Ecco alcuni consigli da seguire per prepararsi al meglio in vista del colloquio:

  • Richiedi un colloquio tramite e-mail oppure di persona al tuo capo. Esplicita immediatamente le tue intenzioni e l’argomento di cui vuoi discutere. In questo modo nessuno verrà colto di sorpresa.
  • Prepara una traccia da seguire e cerca di entrare il più possibile nello specifico della questione. C’è una posizione particolare per cui vorresti candidarti? Oppure ci sono delle problematiche che influiscono negativamente sulla tua attuale condizione lavorativa e ritieni sia necessario affrontarle con lui? In ogni caso dai sin dal principio una direzione chiara alla conversazione.
  • Fai delle ricerche. Se ti stai candidando per una nuova posizione, studia attentamente la job description e dimostragli di avere tutti i requisiti richiesti per ricoprire quel ruolo.

Nel corso di una carriera è possibile attraversare dei momenti in cui a prevalere su tutto è il desiderio di cambiamento. Pertanto, è importante pensare accuratamente ai propri obiettivi personali ed evitare di fare delle mosse avventate. Prenditi del tempo per comprendere dove sei adesso e in quale direzione vorresti andare. Parla con i dirigenti delle eventuali opportunità di avanzamento di carriera previste per il tuo ruolo. Seguire questi step ti aiuterà a prendere decisioni ponderate per l’avanzamento della tua carriera e in generale per il tuo futuro.

Leggi anche: